Come Disintasare gli Scarichi

Oggi spieghiamo come disinstasare gli scarichi. In questa guida ci riferiamo in modo particolare a quelli della cucina. Se il problema è la lavastoviglie, è possibile seguire questa guida sul sito Riparare.net.

In cucina l’intasamento può dipendere in gran parte dalla solidificazione dei grassi dei prodotti alimentari; versate nello scarico un recipiente pieno di acqua bollente, per fare in modo che i residui che provocano l’intasamento si sciolgano. Se l’acqua defluisce lentamente, aspettare che il lavello sia completamente vuoto prima di versarvi l’acqua bollente, che in questo modo entrerà a diretto contatto con la causa dell’intasamento.

Se l’acqua bollente non ha funzionato, aspettate che si raffreddi un pò e poi usate uno sturalavandino per disingorgare lo scarico. Riempite il lavelo d’acqua di pochi centimetri, quindi tappate il troppopieno con una mano per mantenere la pressione nel tubo (se lo tappate con uno straccio umido sarà sigillato meglio) e tirate lo sturalavandino con forza, per spingere l’acqua nel tubo.

La forza dello sturalavandino potrebbe non essere sufficiente per disingorgare un tubo pesantemente intasato. In questo caso uno sturatubi flessibile potrebbe riuscire a frammentare la massa che ingorga il tubo di scarico. Lo sturatubi è un lungo cavo flessibile con una terminazione a spirale in grado di “afferrare” il materiale che intasa il vostro tubo.

Girate lo sturatubi e premete con forza per spingerlo oltre l’ansa a U del sifone. Continuate a spingere per farlo avanzare fino alla causa dell’ingorgo. Cercate quindi di disintasare l’ingorgo ruotando, spingendo e tirando lo sturatubi. Se pensate di aver afferrato la matassa di capelli che ostruiva il sifone, sfilate lentamente lo sturatubi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *